Ristrutturare Casa e Bonus Mobili 2017: i Requisiti

In precedenza vi avevamo parlato in maniera sommaria delle agevolazioni per ristrutturare casa.

La legge di bilancio ha introdotto alcune novità per l’anno 2017.

Tra queste c’è l’aumento della detrazione per quanto riguarda il bonus sisma, che ora arriva fino all’85%.

Oggi vediamo quali sono le condizioni per chiedere la detrazione e a chi spetta richiederla, oltre a introdurre l’argomento del bonus mobili 2017.

Agevolazioni ristrutturazione casa: come richiederle

Per i lavori in casa:

  • il limite massimo di spesa sul quale calcolare la detrazione è di 96mila euro per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2017;
  • la detrazione deve essere ripartita in dieci quote annuali di pari importo;

La detrazione spetta anche nel caso di interventi di restauro e risanamento conservativo e di ristrutturazione edilizia, riguardanti interi fabbricati, eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie.

Queste ultime provvedano entro 18 mesi dalla data di termine dei lavori alla successiva alienazione o assegnazione dell’immobile.

Bonus ristrutturare casa: chi ne ha diritto e come fare domanda

Hanno diritto alla detrazione per la ristrutturazione casa:

  • il proprietario o il nudo proprietario;
  • il titolare di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie);
  • l’inquilino o il comodatario;
  • i soci delle società semplici;
  • gli imprenditori individuali, solo per gli immobili che non rientrano fra quelli strumentali o merce;

Per avere le agevolazioni è necessario:

  • inviare all’asl una comunicazione con raccomandata a.r., tranne nei casi in cui le norme sulle condizioni di sicurezza nei cantieri non prevedono l’obbligo della notifica preliminare;
  • pagare le spese detraibili tramite bonifico bancario o postale;

Bonus mobili 2017: requisiti e come richiederlo

Veniamo ora al bonus mobili, cioè la detrazione del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione.

Il bonus mobili 2017 può essere richiesto solo da chi realizza un intervento di ristrutturazione iniziato a partire dal 1° gennaio 2016.

Il bonus mobili è in dieci quote annue ed è calcolato su un importo complessivo non superiore a 10mila euro.

La detrazione spetta per l’acquisto di:

  • mobili nuovi
  • grandi elettrodomestici nuovi di classe energetica non inferiore alla A+(A per i forni), per le apparecchiature per le quali sia prevista l’etichetta energetica;

Per avere diritto al bonus mobili, il contribuente deve pagare indicando:

  • il codice fiscale del beneficiario della detrazione
  • il numero di partita Iva o il codice fiscale del soggetto a favore del quale il bonifico è effettuato;

I documenti da conservare sono:

  • l’attestazione del pagamento;
  • le fatture di acquisto dei beni;

Leggi Anche