Rottamazione Cartelle Equitalia, Arrivate 600mila Richieste

Sono quasi 600mila le richieste di rottamazione presentate finora a Equitalia, per un valore che supera gli 8 miliardi.

La scadenza per la rottamazione delle cartelle Equitalia è fissata al prossimo 21 aprile 2017.

Equitalia: «Già lavorate 502mila cartelle»

Nel corso di un’audizione alla Camera, l’amministratore delegato di Equitalia Ernesto Maria Ruffini ha riferito i numeri delle istanze presentate che, per la precisione, sono 575mila.

«Di queste – ha detto – ne sono state lavorate circa 502mila, per un controvalore complessivo di 8,3 miliardi».

Rottamare cartelle Equitalia: come procedere

Il termine ultimo del 21 aprile è stato prorogato qualche settimana fa dal governo.

La prima scadenza per rottamare le cartelle era infatti fissata al 31 marzo.

Ricordiamo che, per la rottamazione cartelle, il cittadino deve richiedere il proprio estratto di ruolo.

L’estratto di ruolo è l’elenco dei debiti esattoriali, dove ci sono le cartelle di pagamento emesse a carico di una persona o di una società.

La rottamazione può essere pagata in un massimo di cinque rate, ma tutto decade se anche una sola non viene pagata.

La decadenza sopraggiunge anche se una rata viene pagata tardi oppure quando viene pagato un importo minore.

Rottamazione cartelle Equitalia: attenzione alle email truffa

In questi giorni è necessario prestare attenzione a possibili email truffa presenti in posta.

Queste email contengono messaggi con avvisi di pagamento delle cartelle e invitano i cittadini a scaricare file o a utilizzare link esterni.

In molti casi si tratta di serie di numeri succedute da @gruppoequitalia.it, oppure indirizzi che ricalcano i nomi di istituti di credito come info@unipol.it e info@venetobanca.it.

Si tratta ovviamente di pishing, ed Equitalia ha ribadito la sua totale estraneità a questo tipo di messaggi.

Per cosentine ai cittadini di prevenire la truffa, sul portale www.gruppoequitalia.it sono riportati alcuni dei domini utilizzati per l’invio delle mail.

Leggi Anche