Miglior Mutuo Giovani 2017: Dove Investire Oggi

Se per molte giovani coppie stipulare un mutuo fino a qualche anno fa era molto difficile, oggi le cose sono parecchio cambiate.

Le sempre più frequenti agevolazioni da parte delle banche hanno infatti favorito la stipula di un mutuo prima casa da parte dei giovani.

Inoltre, non dobbiamo dimenticare uno strumento importantissimo come il Fondo di Garanzia mutui prima casa, per mezzo del quale lo Stato offre ai cittadini le garanzie necessarie per l’accensione dei mutui.

Ma qual è oggi il miglior mutuo giovani? Vediamo le offerte più allettanti.

Miglior mutuo giovani: quale soluzione scegliere

Cerchiamo il mutuo giovani migliore immaginando un finanziamento di 100mila euro a tasso fisso, una durata di 20 anni e un immobile del valore di 150mila euro.

Il mutuo Bper Banca propone una soluzione a tasso fisso con rata mensile di 250,58 euro e Taeg al 2,13 %.

Le spese di istruttoria ammontano a 375,00 euro e la perizia a 254,16 euro.

In abbinamento al mutuo Bper Banca è prevista la polizza Ripara Casa New di Arca Assicurazioni.

La polizza offre coperture per incendi, eventi atmosferici, fenomeni elettrici, danni da acqua condotta e altre garanzie accessorie.

Un’altra offerta mutuo conveniente è mutuo Widiba, che propone una rata mensile di 252,80 euro e un Taeg al 2,04%.

Non sono previste spese di perizia ed istruttoria. Anche le spese periodiche sono pari a zero. L’importo finanziabile è compreso tra 50mila e 100mila euro.

Infine ricordiamo il mutuo Cariparma-Credit Agricole, con una rata mensile di 252,52 euro e un Taeg al 2,16%.

In questo caso la perizia è gratuita, mentre le spese di istruttoria ammontano a 500 euro.

Fondo di Garanzia mutui: come funziona

Come detto in precedenza, è possibile stipulare un mutuo prima casa ricorrendo al Fondo di Garanzia mutui.

Il Fondo di Garanzia garantisce concessioni nella misura massima del 50% della quota capitale dei mutui, per un ammontare non superiore a 250mila euro.

Per accedere al Fondo di Garanzia non sono previsti limiti di età o di reddito.

Tuttavia non bisogna essere proprietari di altri immobili ad uso abitativo, salvo quelli acquistati per successione mortis causa, anche in comunione con altri successori, e in uso a titolo gratuito a genitori o fratelli.

È previsto un tasso calmierato per le seguenti categorie:

  • giovani coppie (dove almeno uno dei due componenti non abbia superato i 35 anni);
  • nuclei familiari monogenitoriali con figli minori;
  • giovani di età inferiore ai 35 anni titolari di un rapporto di lavoro atipico;
  • conduttori di alloggi di proprietà degli IACP, comunque denominati;

La domanda di accesso al Fondo va presentata direttamente alla banca o all’intermediario finanziario aderente all’iniziativa a cui si richiede il mutuo.

Leggi Anche