Disoccupazione Italia 2016: Calabria Fanalino di Coda

In cinque regioni italiane la disoccupazione è oltre il doppio rispetto alla media dell’Unione Europea.

E’ quanto risulta dai dati diffusi oggi da Eurostat.

Fanalino di coda la Calabria, dove più della metà dei giovani non riesce a trovare un lavoro.

Disoccupazione Italia 2016: si salva solo Bolzano

Nel 2016 appena trascorso, ben cinque regioni italiane hanno fatto registrare un tasso di disoccupazione di almeno il doppio della media Ue (che è dell’8,6%).

Si tratta di Calabria (23,2%), Sicilia, (22,1%), Campania (20,4%), Puglia (19,4%) e Sardegna (17,3%).

In particolare, in Calabria il 58,7% dei giovani non risulta occupato.

Peggio della Calabria hanno fatto solo Ceuta (69,1%) e Melilla (63,3%), le due “enclave” spagnole che però si trovano in Africa.

Nel 2016 l’unico territorio italiano a rientrare nel gruppo delle 60 regioni Ue con meno disoccupati è stato quello di Bolzano.

Il tasso di disoccupazione più basso nell’Unione Europea è stato quello del Niederbayern (Germania) al 2,1%.

Viceversa, il più alto è stato quello di Dytki Macedonia (Grecia), al 31,3%.

Bonus Sud, una risorsa per il Mezzogiorno: come funziona

In questo contesto si rende sempre più necessario il bonus Sud, nato per rilanciare l’economia del Mezzogiorno.

Bonus Sud che è disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate dallo scorso 18 aprile.

Del bonus Sud possono servirsi quelle imprese che acquisiscono beni strumentali nuovi destinati a strutture produttive.

Il bonus Sud può essere utilizzato in Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo.

Tutte le spiegazioni su come avvalersi del bonus Sud le potete trovare qui.

Leggi Anche