Commissariamento Alitalia: Cosa Succede ai Voli?

Il commissariamento Alitalia è praticamente realtà.

Il consiglio di amministrazione ha infatti deciso di avviare le procedure previste dalla legge e ha convocato un’assemblea dei soci per il prossimo 27 aprile.

Lo si apprende da una nota diffusa da Alitalia stessa.

Dunque, niente ricapitalizzazione per la nostra compagnia di bandiera.

Cosa succederà ora ai voli Alitalia?

Cda: «voli Alitalia non subiranno modifiche»

La compagnia sarà quindi commissariata, ma niente paura per chi aveva già acquistato i biglietti Alitalia.

Fa sapere il C.d.A.: «A seguito dell’esito negativo della consultazione referendaria, il programma e l’operatività dei voli Alitalia non subiranno al momento modifiche».

Il referendum Alitalia aveva visto una netta vittoria del “no” con il 67% dei voti.

Bocciato dai dipendenti Alitalia l’accordo che dava il via libera al piano quinquennale fatto di tagli a stipendi e permessi.

Tuttavia molti tra piloti, hostess, steward e personale Alitalia sottolineavano che l’esito negativo del referendum Alitalia non era affatto sorprendente.

Commissariamento Alitalia, la prima volta fu nel 2008

Una vicenda lunghissima, quella che ha portato al fallimento di Alitalia.

L’azienda era stata più volte al centro di una vendita e nel 2007 sembrava tutto fatto con i francesi di Air-France-KLM.

Poi tutto saltò e si arrivò al primo commissariamento di Alitalia nel 2008 e l’inizio del processo per bancarotta.

Processo che, nel 2015, vide la condanna in primo grado dell’ex presidente e amministratore delegato Giancarlo Cimoli.

L’ultimo dei voli Alitalia decollò nel 2009 e la compagnia riprese l’attività (dopo la parentesi C.A.I.) nel 2015 con l’ingresso di Etihad Airways.

Tuttavia, gli ultimi due bilanci Alitalia sono stati a dir poco disastrosi, con perdite per 199 milioni di euro nel 2015 e 600 milioni nel 2016.

Leggi Anche