AgCom: Stop Tariffe 28 Giorni, Fattura Deve Essere Mensile

Nuovo pugno duro dell’AgCom nei confronti delle compagnie telefoniche.

Dopo la diffida a Wind e Tre degli scorsi giorni, ora arriva lo stop alle tariffe di 28 giorni.

Il Garante ha infatti deciso di intervenire per dire basta al mese di 28 giorni per i rinnovi dei contratti di telefonia fissa.

Cambierà qualcosa per gli utenti?

AgCom: «Il criterio deve essere il mese»

Secondo AgCom, il criterio per la fatturazione deve essere il mese e, dunque, la cadenza non può essere inferiore ai 28 giorni.

Questo «affinché l’utente possa avere la corretta percezione del prezzo offerto da ciascun operatore e la corretta informazione sul costo indicato in bolletta per l’uso dei servizi».

Il Garante ha poi stabilito il comportamento che le compagnie dovranno adottare in presenza di offerte con cadenza diversa da quella mensile.

In questi casi, gli utenti dovranno essere informati tramite SMS dell’avvenuto rinnovo dell’offerta.

Stop tariffe 28 giorni, cosa può succedere ora

Stabilire rinnovi di 28 giorni anziché mensili non è una differenza da poco.

Grazie a questo espediente, le compagnie fatturavano 13 mensilità all’anno.

Ora invece la modifica della modalità di tariffazione significherebbe dover rimborsare agli utenti circa l’8% di quanto già fatturato.

Dura la replica di Asstel, l’associazione di categoria degli operatori telefonici.

«La delibera Agcom – si legge in una nota – è del tutto priva di basi giuridiche di riferimento».

Secondo Asstel, AgCom non ha il potere di disciplinare il contenuto dei rapporti contrattuali fra operatori e clienti.

Wind e Tre diffidate per musica gratis

La delibera Agcom arriva a pochi giorni di distanza dalla diffida a Wind e Tre riguardo alla musica gratis.

In quell’occasione, AgCom aveva chiesto di sospendere l’erogazione di musica in streaming quando i Giga a disposizione dell’utente sono a zero.

Secondo il Garante, tale erogazione rappresenta una pratica scorretta nei confronti dei servizi musicali in streaming concorrenti.

Leggi Anche